LeSfide - Italia-Europa cambiamo rotta
le_Sfide_-_N°1_NOVEMBRE_2017_indice

N°1: ITALIA-EUROPA.

Cambiamo rotta

Primo numero del periodico di studi, riflessioni e approfondimento della Fondazione Bettino Craxi, che muove i suoi primi passi affrontato, nella sua sezione monografica, con un’analisi a tutto tondo, sulla “questione europea”, mettendo al centro delle riflessioni il punto di vista italiano e un primo e parziale bilancio storico della politica del “vincolo esterno”.
‘Italia – Europa: cambiamo rotta’, titolo di copertina del volume, propone un ‘Colloquio’ con Antonio Fazio, governatore emerito della Banca d’Italia, che, in un continuo parallelismo tra storia e futuro, individua e rintraccia le origini dei principali problemi che affliggono la vita comunitaria ripercorre gli eventi che portarono
alla nascita della moneta unica ed all’ingresso dell’Italia nell’euro.
La sezione monografica prosegue con i saggi di Sandro Amorosino, Francesco Forte, Guido Brera, Ercole Incalza e Filippo Mazzotti, tesi a restituire un affresco sulle principali sfide che si stagliano all’orizzonte dell’Unione europea, dall’Unione bancaria al Fiscal Compact, passando per il sistema della logistica comunitaria. Ettore Gotti Tedeschi, Carlo Jean e
Giampiero Massolo schizzano ampi scenari sulle sfide future che interesseranno l’UE rispettivamente sulla questione demografica,
sulla difesa europea ed il ruolo dell’Unione negli assetti globali, mentre Alessandro Campi, Giacomo Di Marzo, Marco Gervasoni e Mario Sechi ci raccontano cosa ribolle in alcuni Stati europei chiave, con un focus, infine, di Marinellys Tremamunno, sulle vicissitudini venezuelane.
Lo storico Piero Graglia ricostruisce, invece, le vicende del Consiglio europeo di Milano del 1985 che portarono alla nascita dell’Unione europea, introducendo la sezione archivio in cui si potranno leggere documenti inediti dell’Archivio Craxi e files del Primo Ministro Britannico Margaret Thatcher, desecretati nel giugno 2016, che rivelano dinamiche non conosciute, nonché la visione e le aspettative britanniche sul futuro della nascente Unione.